Dott.ssa Michela Meneghetti
Psicologo Psicoterapeuta, Figline Valdarno (FI) - Firenze (FI)

Aggiungi alla Mia Lista
Presentazione della Dott.ssa Michela Meneghetti

Salve, sono la Dr.ssa Michela Meneghetti, Psicologa clinica, Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale, iscritta all'Ordine degli Psicologi della regione Toscana al n. 5619.

Ho conseguito la Laurea in Psicologia clinica e della salute presso la Facoltà di Psicologia di Firenze nel 2007 con votazione 110/110 con una tesi di ricerca sull'efficacia della comunicazione non verbale nella malattia di Alzheimer.

Sono specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale presso la Scuola Cognitiva di Firenze (dicembre 2012) con votazione 30/30 con tesi di ricerca sul tema dell'obesità e i disturbi del comportamento alimentare.

Ho svolto i tirocini post laurea presso l'Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale (IPSICO) e presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi di Firenze.
Durante gli anni della specializzazione ho svolto il tirocinio (formativo e volontario) presso il Compartimento Disturbi Alimentari della Casa di Cura Villa dei Pini di Firenze e presso l'AOUC di Careggi, nell'équipe di ricerca sui disturbi del comportamento alimentare).

Attività professionale

Svolgo attività di Psicoterapia e consulenza psicologica in regime di libera professione e dal 2010 lavoro come psicologa ricercatrice presso la Fondazione Don C. Gnocchi di Firenze, collaborando a progetti di ricerca sulle demenze, le patologie cardiovascolari, l'amputazione e la protesi d'arto (Progetto CyberLegs).

Le aree di maggiore interesse clinico riguardano i disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da abbuffate incontrollate e tutti i disturbi sottosoglia), l'obesità, i disturbi d'ansia (attacchi di panico, ansia generalizzata, fobia sociale, fobie specifiche), l'insonnia (primaria e secondaria) e i disturbi di personalità (borderline, narcisistico, istrionico, evitante, dipendente, ossessivo compulsivo).

Nel 2014 ho conseguito il Master in Psicoterapia Metacognitiva Interpersonale (TMI), e il Master in Terapia dei Disturbi Psicopatologici Correlati a Traumi, organizzati entrambi dalla Scuola Cognitiva di Firenze.

Nel Giungno del 2014 ho partecipato ad una giornata del Master in Psicoterapia dei Disturbi dell'Alimentazione con le Prof.sse J. Treasure e K. Tchanturia, organizzato dalla Scuola Cognitiva di Firenze.

Nel Gennaio del 2015 ho partecipato al Corso Skills Training Dialectical Behavior Therapy con M. M. Linehan, organizzato dalla SIDBT.

Sono socio corrispondente della SITCC - Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva, socio di SIPA - Società Italiana di Psicopatologia dell'Alimentazione e sostenitore professionista dell'AIDAP - Associazione Italiana Disturbi dell'Alimentazione e del Peso.

Il mio approccio psicoterapeutico

La Psicoterapia Cognitivo Comportamentale è una forma di terapia psicologica che si focalizza prevalentemente sul presente e che si orienta alla risoluzione dei problemi attuali.
È una terapia scientificamente fondata, orientata allo scopo, è pratica e concreta, è collaborativa ed è a breve termine.
Questo approccio parte dal presupposto che esiste una complessa relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti e ci invita a riflettere su come i problemi emotivi siano in gran parte il risultato di credenze disfunzionali che si mantengono nel tempo.
La teoria di fondo infatti sottolinea quanto siano importanti le distorsioni cognitive e la rappresentazione soggettiva della realtà nel determinare l'origine e nel facilitare il mantenimento dei disturbi emotivi e comportamentali. Le nostre reazioni emotive e comportamentali agli eventi sono determinate dal modo in cui interpretiamo le varie situazioni, quindi dal significato che diamo agli eventi stessi ed è per questo motivo che la terapia mira ad aiutare le persone ad individuare i pensieri ricorrenti e gli schemi disfunzionali di ragionamento, al fine di sostituirli e/o integrarli con convinzioni più funzionali.

L'Istituto Superiore di Sanità e l'Organizzazione Mondiale della Sanità hanno attestato che la terapia cognitivo comportamentale è un trattamento efficace per i disturbi d'ansia, così come per molti altri disturbi tra cui i disturbi alimentari, i disturbi dell'umore, l'insonnia, le disfunzioni sessuali e molti altri ancora.

Com'è strutturata la terapia?

La terapia si struttura sostanzialmente in due fasi:

  • La prima fase è costituita da alcuni colloqui di valutazione che hanno l'obiettivo di comprendere qual è la causa della sofferenza attuale e quali sono i fattori che facilitano il suo mantenimento. Questa prima fase si conclude con il raggiungimento di un obiettivo terapeutico condiviso (concreto e realistico) che permetterà, in seguito, di monitorare in itinere come sta andando la terapia stessa.
  • La seconda fase costituisce la vera e propria terapia e mira al raggiungimento dell'obiettivo concordato e, in primo luogo, alla risoluzione del sintomo o del disagio presentato. Una volta che il sintomo è in remissione, è opportuno inoltre comprendere insieme quali sono le basi che hanno favorito il suo strutturarsi, al fine di evitare recidive.

Spesso i sintomi che ci portano in terapia hanno a che fare con delle emozioni dolorose che non riusciamo a comprendere e ad ascoltare e che cerchiamo addirittura di combattere.
In realtà tutte le emozioni, anche quelle che noi comunemente etichettiamo come negative, costituiscono una grande fonte di informazioni su come ci vanno le cose. Inoltre, anche se spesso non ce ne rendiamo conto, rappresentano solo la cima di un iceberg.
Rappresentano insomma un prezioso strumento che ci consente di fermarci e posare lo sguardo su quello che costituisce il vero problema, di concentrarci cioè sul sommerso. Un esempio per comprendere come funzionano le emozioni è il seguente: un bambino che è fuori e sta giocando cade e si sbuccia un ginocchio; prova immediatamente un forte dolore e per lui è quello il problema: il dolore. In verità il dolore è solo lo strumento che consente al bambino di correre dalla mamma, farsi medicare la ferita (il vero problema) e ritornare a giocare.
L'ansia, ad esempio, può svolgere il ruolo che nella vignetta sopra esposta ha svolto il dolore: l'ansia non è il vero e unico problema, ma è quel campanellino d'allarme che ci consente di capire che qualcosa non va, che dobbiamo fermarci, scoprire ciò che accade a livello più profondo e gestire la situazione.

Le emozioni non possono essere controllate: non si può scegliere quale emozione provare, in quale intensità e con quale frequenza. E allora come possiamo smettere di provare e/o attenuare emozioni che ci procurano sofferenza? Dobbiamo diventare sempre più abili nel riconoscere le emozioni, nel metterle in relazione con le situazioni che le scatenano e con i pensieri che ci passano per la testa quando le proviamo. Dal momento che non possiamo modificare direttamente l'emozione, occorre rintracciare il pensiero che sta "attaccato" all'emozione al fine di ristrutturarlo. Una volta ristrutturato il pensiero si modificherà anche l'emozione ad esso collegata.

Ambiti di intervento
  • Disturbi alimentari:
    Anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da abbuffate incontrollate.
  • Disturbi d'ansia:
    Disturbo d'ansia generalizzato, disturbo da attacchi di panico, fobia sociale, fobie specifiche, ipocondria.
  • Disturbi del sonno:
    Insonnia primaria o secondaria.
  • Disturbi del tono dell'umore:
    Depressione.
  • Disturbi di personalità:
    Disturbo borderline, narcisistico, istrionico, dipendente, ossessivo-compulsivo, evitante.
  • Obesità
Contatti

Ricevo a:

  • Figline Valdarno (FI), in Via della Vetreria n. 73, presso l'Ambulatorio Medico Athena.
  • Firenze, in Via Delle Porte Nuove n. 10, presso il Centro di cognitivismo Clinico.
  • Firenze, in Via Arnolfo n. 21, presso il Centro Mindfulness Firenze.

È possibile contattarmi telefonicamente al numero 338.60...338.6008306 oppure tramite mail, compilando l'apposito modulo sottostante.

Contatta privatamente la Dott.ssa Michela Meneghetti

Nome e Cognome
Urgenza
       
Mail (obbligatorio)
Telefono (facoltativo)
Domanda o richiesta appuntamento

CHE COSA SCRIVERE
Sentiti libero di chiedere alla Dott.ssa Michela Meneghetti quello che desideri: un appuntamento, una consultazione o semplicemente la risposta ad una domanda. Scrivi tranquillamente, questo è un contatto iniziale.

NOTA
I navigatori sono tenuti a rispettare lo scopo di questo elenco.
I professionisti sono qui per aiutare le persone con il proprio lavoro, questo non è un luogo di aiuto tesi, bibliografie o pubblicità di qualsiasi tipo.

Buongiorno,
l'ho trovata su PsicoCitta.it ...
Scrivimi
Centro HT Network PsicoCitta.it HumanTrainer.com Psicologia-Psicoterapia.it
Sede: Cesena (FC):
Via Eugenio Curiel N° 26 - tel. 0547.28909

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)