Il comportamento rituale nel disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo: l'arte del controllo

Articolo pubblicato il 1 Dicembre 2009.
L'articolo "Il disturbo ossessivo compulsivo: l'arte del controllo" tratta di: Disturbo Ossessivo Compulsivo e Terapia Strategica.
Articolo scritto dal Dott. Davide Algeri.

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato dalla presenza di pensieri ossessivi associati a compulsioni (particolari azioni o rituali da eseguire). Alla base del DOC vi è principalmente il tentativo di ridurre o controllare una paura e/o il pensiero, attraverso l'utilizzo di rituali di pensiero, formule o compulsioni.
Una piccola nota: mentre nel disturbo ossessivo si cercano di controllare i pensieri, cercando di scacciarli o controllarli e più si controllano, più se ne perde il controllo, nel disturbo ossessivo-compulsivo, il controllo funziona bene attraverso i rituali (compulsioni), e proprio per questo motivo si finisce per non poterne più fare a meno.

Diagnosi

Secondo il DSM-IV, il DOC è caratterizzato da sintomi ossessivi e/o compulsivi (pensieri e/o comportamenti) che diventano fonte di marcata sofferenza per il paziente, comportando un enorme spreco di tempo (più di un'ora al giorno) e interferendo con le normali attività quotidiane e con il funzionamento sociale e lavorativo del soggetto.

I criteri diagnostici suggeriti dal DSM-IV prendono in considerazione cinque punti:

  1. Ossessioni o compulsioni
    • pensieri, impulsi o immagini ricorrenti e persistenti, vissuti, in qualche momento nel corso del disturbo, come intrusivi e inappropriati, e che causano ansia o disagio marcati;
    • i pensieri, gli impulsi o le immagini non sono semplicemente eccessive preoccupazioni per i problemi della vita reale;
    • la persona tenta di ignorare o di sopprimere tali pensieri, impulsi o immagini, o di neutralizzarli con altri pensieri o azioni;
    • la persona riconosce che i pensieri, gli impulsi, o le immagini ossessivi sono un prodotto della propria mente (e non imposti dall'esterno come nell'inserzione del pensiero).
    Compulsioni definite come:
    • comportamenti ripetitivi (per es. lavarsi le mani, riordinare, controllare), o azioni mentali (per es. pregare, contare, ripetere le parole mentalmente) che la persona si sente obbligata a mettere in atto in risposta ad un'ossessione, o secondo regole che devono essere applicate rigidamente;
    • comportamenti o azioni mentali sono volti a prevenire o ridurre il disagio, o a prevenire alcuni eventi o situazioni temuti; comunque questi comportamenti o azioni mentali non sono collegati in modo realistico con ciò che sono designati a neutralizzare o prevenire, oppure sono chiaramente eccessivi.
  2. In qualche momento nel corso del disturbo la persona ha riconosciuto che le ossessioni o le compulsioni sono eccessive o irragionevoli.
  3. Le ossessioni o le compulsioni causano disagio marcato, fanno consumare tempo (più di un'ora al giorno), o interferiscono significativamente con le normali abitudini della persona, con il funzionamento lavorativo (o scolastico) o con le attività o relazioni sociali usuali.
  4. Se è presente un altro disturbo sull'Asse I, il contenuto delle ossessioni o delle compulsioni non è limitato ad esso (per es. preoccupazione per il cibo in presenza di un Disturbo dell'Alimentazione, tirarsi i capelli in presenza di Tricotillomania, preoccupazione riguardante le sostanze nel Disturbo da Uso di Sostanze, etc).
  5. Il disturbo non è dovuto agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es. una droga di abuso o un farmaco) o di una condizione medica generale.
Rituali

Il paziente affetto da DOC non si lamenta in particolare dell'ansia, ma piuttosto delle ossessioni e dei suoi rituali ripetitivi.
L'ansia si manifesta solamente se si interferisce nei rituali messi in atto per difendersi dalle ossessioni. Questi rituali, sono profondamente importanti e devono essere eseguiti in particolari modi per evitare conseguenze negative e per impedire all'ansia di prendere il sopravvento. Può capitare che il paziente sia convinto che i rituali siano solo un effetto del disturbo, ma anche in quel caso non riesce comunque ad ignorarli.

Le compulsioni si riferiscono ad azioni eseguite dalla persona, normalmente in modo ripetitivo, al fine di opporsi (inutilmente) al pensiero o ai pensieri ossessivi. Nella maggior parte dei casi questo comportamento diventa talmente regolare che l'individuo non lo ritiene un problema degno di nota. Le comuni compulsioni includono, in modo eccessivo, comportamenti come il lavarsi, il controllare, toccare, contare o sistemare e ordinare; altre possono essere comportamenti rituali che l'individuo esegue in quanto convinto che abbasseranno le probabilità che una ossessione si manifesti. Le compulsioni possono essere osservabili (come il lavarsi le mani), ma possono anche essere riti mentali come la ripetizione di parole e frasi o il conto.

Nello specifico i rituali possono essere:

  • Preventivi (orientati al futuro ed evitare che succeda qualcosa): lavarsi le mani per paura di essere contaminati (come la paura delle secrezioni del corpo umano quali saliva, sudore, lacrime, muco, urina e feci), evitare il calpestio delle fughe di separazione; allineare perfettamente gli oggetti nel loro insieme, in angolazioni perfette.
  • Propiziatori (comportamenti, superstizione eccessiva o pensiero "magico" per far sì che succeda o si eviti qualcosa) salire una scala o entrare in una stanza sempre e solo con un piede anziché l'altro; un sistema di conto specifico (contare in gruppi di quattro, sistemare le cose in gruppi di tre, sistemare gli oggetti in insiemi pari o dispari); impostare limiti specifici ad azioni in corso (raggiungere la propria auto con dodici passi); sostituire i "cattivi pensieri" con "buoni pensieri".
  • Riparatori (orientati al passato, per riparare qualcosa che è già accaduta) controllare ripetitivamente che la macchina parcheggiata sia ben chiusa a chiave prima di lasciarla, accendere e spegnere le luci un certo numero di volte prima di uscire da una stanza, lavarsi ripetitivamente le mani a intervalli regolari durante il giorno o non riuscire a smettere di lavarsele una volta insaponate, controlli protratti e ripetuti, volti a riparare o prevenire gravi disgrazie o incidenti.
Trattamento

Un'efficace trattamento per il disturbo ossessivo-compulsivo è la terapia breve strategica, attraverso la quale si lavora prima sull'ansia e poi sulla fobia, intervenendo sulle precauzioni, sull'evitamento e sul controllo (rituali), attraverso stratagemmi che permettano di contenere il pensiero, tecniche paradossali come la prescrizione del sintomo, con l'uso del "piccolo disordine che mantiene l'ordine" e di controrituali.

Riferimenti
  • American Psychiatric Associaton (1994), Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, IV ed. (DSM-IV). Masson, Milano, 1996
  • G. Nardone, Paura, panico, fobie. La terapia in tempi brevi, Ponte delle grazie, 1999
  • M. Burgy, Psychopathology of Obsessive-Compulsive Disorder: A Phenomenological Approach, Psychopathology (2005), 291-300
  • C. Portelli, Terapia breve strategica avanzata per disturbi ossessivo-compulsivi, Rivista Europea di Terapia Breve Strategica e Sistemica (2004)
  • J. Derisley, S. Libby, Clark, S. Reynolds, Mental health, coping and family-functioning in parents of young people with obsessive-compulsive disorder and anxiety disorders, The British Journal of Clinical Psychology (2005)
  • J. C. Gabbard, Psichiatria Psicodinamica. Nuova edizione basata sul DSM-IV, Raffaello Cortina Editore, Milano, 1995
  • G. Melli, Vincere le ossessioni. Capire e affrontare il Disturbo Ossessivo-Compulsivo, Editore Ecomind, Salerno, (2003)
  • A. Roth, P. Fonagy, Psicoterapie e prove di efficacia, Il pensiero scientifico editore, Roma, 1997
  • P. Pancheri, Ossessioni, compulsioni e continuum ossessivo, Roma, Il Pensiero Scientifico Editore, 1992
  • L. J. Rapoport, Il ragazzo che si lavava in continuazione e altri disturbi ossessivi, Torino, Bollati Boringhieri, 1994
  • L. Ravizza; F. Bogetto; G. Maina, Il disturbo ossessivo-compulsivo, 1 ed. Milano, Masson, 1997
  • R. P. Swinson; M.M. Antony; S. Rachman; M. A. Richter, Obsessive-compulsive disorder, 1998

Per approfondire

Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)