Il dubbio patologico e l'autoinvalidazione ricorsiva

Articolo pubblicato il 2 Dicembre 2011.
L'articolo "Il dubbio patologico e l'autoinvalidazione ricorsiva" tratta di: Disturbo Ossessivo Compulsivo e Terapia Strategica.
Articolo scritto dal Dott. Davide Algeri.

Il dubbio patologico è un disturbo caratterizzato dalla presenza di domande senza una risposta certa, alle quali la persona cerca di dare una risposta, attraverso un ragionamento di tipo razionale.
Questo continuo cercare di ragionare, porta inevitabilmente la persona ad aumentare il numero delle possibilità di risposta, cosa che genera una sequenza domanda-risposta-dubbio, sino al punto che ci si trova immobilizzati dal proprio dubbio irrisolto: un labirinto di domande e risposte, dal quale diventa difficile uscire. In molti casi, infatti, il dubbio patologico è così invalidante che la persona rimane per ore ed ore o ci pensa più volte al giorno, senza trovare una soluzione.

Un tipico esempio di come funziona il dubbio patologico potrebbe essere il seguente. La persona di fronte ad un problema psicologico potrebbe domandarsi: "forse sto impazzendo?" e rispondere, "no, non è possibile", a quel punto potrebbe insinuarsi il dubbio: "e se invece fosse vero?".
Ogni qual volta, infatti che si tenta di trovare una risposta, a questa si aggiunge un dubbio, che fa sorgere un'altra domanda e poi ancora un'altra risposta, un altro dubbio, un'altra domanda, un'altra risposta generando così un circolo vizioso "infinito". Inoltre, in molti casi, la persona usa come soluzione quella di "cercare di non pensare", ritenendo che ciò possa contribuire a frenare il "loop", ottenendo però l'effetto contrario. Infatti, proprio come dicevano gli antichi, cercare di non pensare è già pensare.

Perdita di controllo del pensiero. Alla fine quindi, più si cerca di controllare il pensiero, più se ne perde il controllo.
Il dubbio patologico potrebbe presentarsi separatamente o intrecciato ad un'altra tipologia di disturbo del pensiero che alcuni autori italiani di orientamento cognitivista-strutturalista attribuiscono al pensiero ossessivo: l'autoinvalidazione ricorsiva, vale a dire l'incapacità a prendere decisioni.
Per comprendere tale disturbo è necessario prima accennare all'iter che compie la mente umana lungo il processo decisionale. Esso infatti svolge un'importanza determinante nel corso della vita quotidiana ed in particolar modo nella risoluzione di problemi. Possiamo immaginare il processo decisionale, nel quale entra in gioco la memoria a breve termine, come un albero decisionale (flow chart): ogni passaggio implica una vasta gamma di alternative, a partire dalle quali è necessario valutare e ipotizzare quale decisione sia la più adatta alla situazione che si sta vivendo.

La possibilità di scegliere e di conseguenza di risolvere un problema, pertanto, è strettemante connessa alla capacità del soggetto di attivare strategie funzionali, frutto di un processo decisionale efficace.

Il sistema di pensiero personale dei pazienti ossessivi risulta, quindi, frammentato, con scarsi legami tra i diversi sottosistemi dell'albero decisionale. La persona seleziona un'area ristretta e settoriale (area sintomatica), in base alla quale valuta se stesso.
L'estrema specializzazione dell'area sintomatica provoca il costituirsi di una serie di alternative sempre più ricca e, di conseguenza, il determinarsi di un costante dubbio, sempre in agguato. Tale modalità si può riscontrare anche nei soggetti che non presentano disturbi ossessivi e sembra corrispondere a una peculiare modalità di affrontare le decisioni, tale per cui qualsiasi affermazione può essere falsificata e non è possibile pervenire a una decisione.

Conseguenza di questo disturbo è l'equivalenza delle soluzioni identificate e l'impossibilità di decidere per una, se non chiedendo conferme esterne, le quali però verranno messe in discussione subito dopo.

Terapia breve strategica
Sia il dubbio patologico che l'autoinvalidazione ricorsiva, possono essere trattate con la terapia breve strategica, intervenendo sul "loop" domanda-risposta-dubbio e rompendo quindi la catena dei dubbi o potenziando la possibilità di attivare strategie funzionali e quindi la capacità di scelta.

Riferimenti bibliografici
  • F. Mancini, A. Semerari, Kelly and Popper: a constructivistic view, in F. Fransanella, J. Thomas, "Experimenting with Personal Constructs Psychology", Routledge & Kegan, London, 1987
  • M. Lang, C. Nosengo, C.M. Xella, "La Scala Wais. Uso clinico e valutazione qualitativa", Raffaello Cortina Editore, Milano, 1996
  • S.K. Reed, "Psicologia Cognitiva. Teoria e applicazioni", Il Mulino, Bologna, 1989
  • G. Nardone, "Psicosoluzioni. Risolvere rapidamente complicati problemi umani", BUR, Milano, 1998

Per approfondire

Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)