Dott.ssa Rossella Grassi
Paura: come superarla, Milano (MI) - Romano di Lombardia (BG)

Contatta
Aggiungi alla Mia Lista

Piccole e grandi paure: percorsi per salutarle e ricominciare a vivere!

Articolo pubblicato il 2 Maggio 2013.
L'articolo "Piccole e grandi paure: percorsi per salutarle e ricominciare a vivere!" tratta di: Disturbi d'Ansia.

La paura è un'emozione che fa parte della nostra vita.
Lo psicologo americano Paul Ekmann la inserisce tra le quattro emozioni fondamentali - rabbia, tristezza, gioia e paura - che ci caratterizzano in quanto esseri umani. La sua funzione primordiale è quella di aiutarci a conservare la nostra vita, anticipando i pericoli per proteggerci da essi.

Ma cosa accade quando questa emozione fondamentale pervade la maggior parte dei momenti della nostra vita impedendoci di stare qui, nel presente? Mi capita spesso di incontrare e accompagnare persone nelle quali le paure, le più disparate, prendono il sopravvento e i pensieri intervengono per tenerle a bada: quante energie spese per rispondervi e quanti pensieri per far fronte ai diversi scenari catastrofici possibili.

Una premessa: le due parti della paura

All'interno di una persona che vive delle paure, si palesano due parti: una parte "impaurente" che lancia dei messaggi paurosi, ad esempio: "Non ce la farai!", "Le persone ti lasceranno sola!" ecc. ed una parte "impaurita", piccola, tremante, in difficoltà.
Mi sembra interessante fornire qualche informazione su uno dei possibili percorsi per abbandonare queste paure e tornare a vivere.

Abbandonare le paure. Il primo passo è un attento esame di realtà: distinguiamo le paure fondate su elementi reali e quelle invece che non hanno elementi concreti che le supportino e le giustifichino oggi.
Ad esempio: la paura che, se faccio qualcosa di bello per me, qualcosa di brutto mi debba accadere. La paura di non aver fatto abbastanza, di non aver avuto una performance sufficiente.

L'origine delle paure. Andiamo a vedere da dove vengono queste paure che spesso sono nate nel passato e, quando fanno capolino nella nostra vita di oggi sono come degli "elastici" che potentemente ci riportano là, in quel luogo, in quel tempo, in quell'atmosfera in cui sono nate.
Spesso infatti, le voci attraverso cui ci impauriamo, sono voci che vengono da persone di riferimento del passato: «Se non fai il bravo arriva il poliziotto che ti porta via!» ecc. È proprio con queste voci critiche e poco benevole provenienti dal passato che continuiamo anche oggi ad impaurirci. Ci impauriamo perché le ascoltiamo e in qualche modo gli diamo ancora credito.

Nel lavoro con i miei pazienti abbiamo individuato questa nuova possibilità: riconoscere queste voci, comprendere che appartengono al passato e, anziché ascoltarle con spreco di energie e pensieri, scegliere di rimandarle al mittente!
Se questi messaggi vengono riconosciuti dalla nostra parte Adulta, è possibile decidere di non ascoltarli e tornare a sorridere. Tornando alle due parti di cui ho parlato prima, è molto importante prendersi cura della nostra parte piccola ed impaurita che ha tanto bisogno di essere vista, compresa, rassicurata. In questo modo, questa parte può crescere recuperando la serenità e la sicurezza di vivere e muoversi nel mondo. :-)

Paura di morire. Vorrei concludere prendendo in esame la "regina delle paure": la paura di morire che spesso "rovina la vita" alle persone che la ascoltano. Lavorando con alcuni miei pazienti è risultato evidente come tale paura sia legata al modo in cui una persona sta vivendo: spesso quando non si vive ma si sopravvive si ha molta paura di morire.

Recuperando la propria possibilità di amare, vivere, essere felici e stare dentro la vita, l'idea della morte passa in secondo piano e non fa più così paura, perché lascia lo spazio alla vita e alla possibilità di esserci realizzando la propria esistenza.
Quando si è davvero dentro la propria vita il proprio sguardo è concentrato lì, quando invece vivere è impossibile il nostro sguardo sfugge al finale. Allora: vivete e gioite! Abbracciate e attraversate tutto quello che la vita vi offre! Perché tutto questo è vita.

"L'amore porta a galla tutto quello che amore non è per guarirlo".

Contatta privatamente la Dott.ssa Rossella Grassi

Nome e Cognome
Urgenza
       
Mail (obbligatorio)
Telefono (facoltativo)
Domanda o richiesta appuntamento
Policy privacy

CHE COSA SCRIVERE
Sentiti libero di chiedere alla Dott.ssa Rossella Grassi quello che desideri: un appuntamento, una consultazione o semplicemente la risposta ad una domanda. Scrivi tranquillamente, questo è un contatto iniziale.

NOTA
I navigatori sono tenuti a rispettare lo scopo di questo elenco.
I professionisti sono qui per aiutare le persone con il proprio lavoro, questo non è un luogo di aiuto tesi, bibliografie o pubblicità di qualsiasi tipo.

Scrivimi
Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)