Dott.ssa Gitana Giorgi
Famiglia e comunicazione , Pisa (PI)

Contatta
Aggiungi alla Mia Lista

Genitori e figli: comunicare l'empatia!!!

Articolo pubblicato il 17 Marzo 2014.
L'articolo "Genitori e figli: comunicare l'empatia!!!" tratta di: Comunicazione, La Famiglia e Educazione dei Figli.

"I grandi non capiscono mai niente da soli
e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta
".
(Tratto da "Il Piccolo Principe" di Saint Exupéry)

Spesso "i grandi" interpretano il mondo con i propri occhi, ma per capire cose ci vogliono realmente comunicare i "piccoli" dobbiamo ascoltare le loro parole ed entrare nel loro mondo!!! Se non riusciamo a capire allora la comunicazione si fa sempre più difficile: i figli potrebbero sentirsi incompresi e reagire con rabbia, silenzi, risposte incomprensibili o giustificazioni.

La comunicazione diventa efficace se si cerca di comprendere il punto di vista dei figli, i loro sentimenti, le loro idee, la loro vita...
In questo modo si creano condivisione e complicità ed è più facile capire e rispondere ai loro bisogni.

"I bambini vogliono essere ascoltati con occhi gentili, con occhi spalancati!".
(Beatrice Alemagna)

Osservare con curiosità e rispetto i bambini, mostrare interesse per i contenuti che ci portano, provare ad entrare in contatto con le loro emozioni.
I bambini hanno bisogno di parlare ma per farlo devono trovare chi li ascolta senza giudicare, hanno bisogno di un contenitore che sappia accettare la loro emozioni e che li aiuti ad esprimersi.
La comunicazione con i bambini dovrebbe essere tale da fornirgli un vocabolario adatto a parlare delle loro emozioni.

Alcuni atteggiamenti che aiutano il bambino ad aprirsi e comunicare:

  • non negare o deridere i sentimenti
  • dare fiducia senza imporre nostre definizioni o etichette ("sei cattivo")
  • non svalutare o banalizzare i discorsi dei piccoli
  • prestare loro attenzione con interesse
  • mostrarsi affettuosi e gentili
  • fornire esperienze appropriate al livello di sviluppo
  • ascoltare con empatia
  • fornire del tempo di condivisione
  • mantenere le promesse
  • ricordarsi sempre che l'apprezzamento è un grande nutrimento!
  • quindi adottare una comunicazione positiva ed emotiva ("sono contento di stare con te, mi piaci, bravo!" etc.)

Dunque per comunicare bene bisogna saper ascoltare, cioè ascoltare in modo empatico, non giudicante, in un clima di accettazione e apertura.
I genitori possono attingere dalle proprie esperienze, ripescare nella proprio memoria il bambino che sono stati, cosa amavano fare, dove giocavano, con chi piaceva stare, da quali figure importanti sentono di aver imparato di più, etc. Nella nostra storia c'è il nostro modo di stare con l'altro e anche la nostra preparazione!!!
Le proprie esperienze alcune volte possono non bastare, in quanto i genitori devono svolgere compiti educativi sempre più complessi e frequentemente si sentono smarriti e senza strumenti. Per questo diventa importante non chiudersi in se stessi ma usufruire dei momenti di informazione, riflessione, confronto che spesso la scuola e i servizi offrono.

Contatta privatamente la Dott.ssa Gitana Giorgi

Nome e Cognome
Urgenza
       
Mail (obbligatorio)
Telefono (facoltativo)
Domanda o richiesta appuntamento
Policy privacy

CHE COSA SCRIVERE
Sentiti libero di chiedere alla Dott.ssa Gitana Giorgi quello che desideri: un appuntamento, una consultazione o semplicemente la risposta ad una domanda. Scrivi tranquillamente, questo è un contatto iniziale.

NOTA
I navigatori sono tenuti a rispettare lo scopo di questo elenco.
I professionisti sono qui per aiutare le persone con il proprio lavoro, questo non è un luogo di aiuto tesi, bibliografie o pubblicità di qualsiasi tipo.

Scrivimi
Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)