Dott.ssa Ilaria Cocci
Amore, famiglia e comunicazione: terapia centrata sul cliente, Empoli (FI) - Prato (PO)

Contatta
Aggiungi alla Mia Lista

Vita di coppia, quante incomprensioni...

Articolo pubblicato il 1 Settembre 2014.
L'articolo "Vita di coppia, quante incomprensioni..." tratta di: Comunicazione, Relazioni, Amore e Vita di Coppia, La Famiglia, Tipi di terapia e Terapia Centrata sul Cliente.

"Il matrimonio è un modo per risolvere insieme dei problemi,
che altrimenti da soli non si avrebbero!
".
(G. Gulotta)

Chiunque di noi viva in coppia (sposati, conviventi, fidanzati, etero o omosessuali), si trova costantemente immerso in questa relazione, dalla quale trae forza e appoggio per affrontare le difficoltà quotidiane, sostegno nella avversità della vita. Perciò un rapporto disfunzionale con il partner si rifletterà anche in gran parte degli altri ambiti quotidiani.
Tramite l'osservazione di coppie nella mia vita privata e professionale, oltre alla mia personale esperienza come membro di una coppia, ho notato come una cospicua parte dei problemi quotidiani che la coppia deve affrontare siano conseguenza diretta o indiretta di un errore o di un'assenza di comunicazione, e dell'incapacità di una o di entrambe le parti di utilizzare codici comunicativi condivisi.

La comunicazione è spesso menzionata da giornali e televisione riguardo al funzionamento della relazione sentimentale, i commenti del tipo "dovete parlare di più" sono all'ordine del giorno, ma il punto non è la quantità delle parole che usiamo o la frequenza di quanto lo facciamo, ma "come" lo facciamo. Quasi mai è evidenziata quest'ultima componente, spesso sono proprio i modi e i toni che si usano a pregiudicare immediatamente una comunicazione efficace tra due persone, a maggior ragione in relazioni in cui il sentimento è il legame principe tra i due interlocutori. Conseguentemente, è ridimensionato il potere della comunicazione nella risoluzione di conflitti, anche piuttosto importanti, tra i membri della coppia, sottovalutando che molti dei conflitti stessi sono originati da un errore di comunicazione.

Almeno quattro elementi importanti nella relazione di coppia, o meglio nel relazionarsi della coppia, che vale la pena menzionare:

  1. L'ascolto empatico
  2. Rinunciare a rendere "Pan per Focaccia"
  3. Imparare a trattare temi scottanti
  4. Dare attenzione nel modo che conta1
1. Utilizzare l'ascolto empatico.

Per una relazione efficace, è fondamentale una comunicazione empatica, ascoltare veramente il partner e cercare di comprenderlo nel senso più intimo.

Ascoltare empaticamente significa ascoltare il messaggio emotivo che va oltre al mero contenuto della comunicazione, vuol dire mettersi nei panni del compagno, vedere il mondo con i suoi occhi per comprendere sinceramente quello che prova, senza giudizio, mettendo da parte quello che siamo e che vogliamo. La comprensione empatica è un pozzo di ricchezza per la coppia, permette al partner di sentirsi realmente capito, di essere più disponibile a condividere, aumenta l'intimità e la forza della coppia davanti alle avversità.
Inoltre, questo può essere un gran dono da fare al proprio compagno.
Ciò significa aiutarlo ad affrontare autonomamente i propri problemi, superando il senso di impotenza e aumentando il legame, poiché compresi. Carl Rogers (psicologo) esalta l'importanza dell'ascolto empatico come prima fonte di aiuto e di reale contatto, esso permette relazioni autentiche e auspicabili per un'efficace relazione di coppia.

Esempio. Una coppia di mezza età, durante i colloqui preliminari per l'adozione, comincia a battibeccare: Mauro infatti non si sentiva compreso da Lucia. Lei si lamentava del fatto che lui era sempre stanco e preoccupato quando tornava da lavorare, nonostante guadagnassero bene. Mauro si lamentava di non essere ascoltato dalla moglie, che sapeva solo elargire consigli sul "fare" senza curarsi del suo "sentire".
Alla fine del colloquio, la moglie, che è riuscita a porsi in un ascolto empatico delle vicissitudini lavorative del marito, ha esclamato: «Accidenti deve essere veramente frustrante lavorare con persone così incompetenti». Mauro davanti a ciò si commosse.

2. Rinunciare a rendere "Pan per focaccia".

Rendere pan per focaccia, è uno dei più tipici meccanismi nel quale cascano le coppie. Spesso questo comportamento è utilizzato per non assumersi responsabilità, diminuire il proprio senso di colpa o manipolare l'altro per ottenere qualcosa.
Quindi il "se lo fai tu... allora lo faccio anch'io", o viceversa, non è una strategia efficace ossia, se quando si vuole che il partner faccia qualcosa lo comunichiamo chiedendolo, oppure se ci ha ferito o turbato lo manifestiamo apertamente, può darsi che il partner invece che irritarsi, comprenda e cambi comportamento.

Tipici sono alcuni esempi emersi durante i colloqui di coppia:
Lui: «Sei proprio una cafona a staccare il pane a morsi a tavola».
Lei: «Senti chi parla, quello che mangia il pollo con le mani».
Lei: «Stasera andiamo a cena dai miei genitori».
Lui: «Stasera no, sono veramente stanco».
Lei: «Allora se stasera non andiamo dai miei, domenica non andiamo nemmeno dai tuoi».

Per superare questo stallo, dobbiamo utilizzare nuovamente l'ascolto empatico, smettere di prendere la critica come un attacco personale e comprendere il perché ci viene fatta, oltre che a porsi in un atteggiamento altruistico all'interno della relazione a due. Quindi se faccio qualcosa di carino per te, non pretendere che sempre sia ricambiato allo stesso modo.

3. Imparare a trattare i temi scottanti.

Imparare a trattare i temi scottanti in una relazione di coppia è fondamentale. Quando si parla di sesso, soldi o suoceri, entrano in ballo elementi affettivi, costrutti sociali e familiari, che possono portare a liti furibonde. Perciò, qui rientra in ballo l'importanza della comunicazione in prima persona, dove non è che la persona o il fatto di per sé sia sbagliato, ma l'emozione che provo riguardo a quella circostanza è per me difficoltosa e negativa.

Quindi, piuttosto che dire: «Tua madre è un'impicciona», dire «Quando tua madre mi fa troppe domande, mi sento invasa, e ciò mi fa arrabbiare», è profondamente diverso.

È fondamentale porre i propri bisogni e necessità in maniera più acritica possibile, quando si trattano questi temi, collaborando per trovare un accordo comune, comunicando all'altro i propri vissuti, piuttosto che i meri fatti.

4. Dare attenzione nel modo che conta.

Dare attenzione nel modo che conta significa farlo nel modo che fa piacere e fa sentire amato l'altro, e non tanto quanto noi crediamo che sia giusto manifestarlo. Gary Chapman (consulente esperto delle relazioni) identifica, a tale proposito, cinque linguaggi dell'amore: momenti speciali, parole di riconoscimento, gesti di servizio, doni e contatto fisico2.

Tutti questi linguaggi dell'amore hanno la stessa valenza, e sono tutti modi per comunicare, tramite il verbale (parole d'amore) e il non verbale (regali, organizzare momenti speciali ecc.), l'amore per il compagno.
Ma ognuno di noi predilige uno, o alcuni, sugli altri in base al suo modo di essere.

Esempio. Una coppia arrivata al Consultorio familiare, Gianni e Ada:
Ada: «Mi sento sempre trascurata, non riesco a capire mai quanto mi ama...».
Gianni: «Ma come, se anche ieri ti ho ripetuto che ti amo almeno dieci volte».
Ada: «Sì, ma tu lo dici tanto per dire, non hai mai attenzioni per me, non fai mai gesti d'amore...».
Gianni: «Non è vero, ieri sono venuto con te, anche dal dottore».
Ada: «Sì! Sai che sforzo, non hai mai un pensiero romantico per me, nemmeno per le ricorrenze, mai un fiore, mai una cena speciale...».
In questo esempio, appare chiaro come siano usati dai due coniugi linguaggi d'amore diversi, quindi registri comunicativi diversi.

L'emittente crede di essere chiaro nel messaggio, ma il ricevente non interpreta il significato nel medesimo modo.
Gianni, infatti, utilizza maggiormente il registro linguistico o l'accudimento per comunicare amore. Ada, invece, apprezza maggiormente i doni, il contatto fisico e i momenti speciali. Quindi, avere l'accortezza di comunicare il proprio amore in maniera comprensibile per il partner è un gesto d'amore che unisce la coppia.

In questo articolo ho cercato di dare una panoramica sulla relazione di coppia, e in particolar modo sull'importanza di una comunicazione funzionale per la riuscita di una coppia efficace. Ovviamente, la relazione di coppia è un mondo così vasto e variegato che cercare di analizzarlo e chiarirlo in così poche righe è assolutamente impossibile.

La consulenza o la psicoterapia di coppia è un opportunità per conoscersi e capire dove siamo e come se possibile possiamo migliorare, ma la conclusione di una consulenza di coppia non deve essere per forza la riunificazione e rinascita di una coppia, ma deve portarla alla scelta migliore per entrambi.

Note
  1. Patty Howell, Ralph Jones, "Relazione di coppia efficace", Meridiana, Bari, 2005
  2. Gary Chapman, "I cinque linguaggi dell'amore: come dire ti amo alla persona amata", Elledici, Padova, 2004

Contatta privatamente la Dott.ssa Ilaria Cocci

Nome e Cognome
Urgenza
       
Mail (obbligatorio)
Telefono (facoltativo)
Domanda o richiesta appuntamento
Policy privacy

CHE COSA SCRIVERE
Sentiti libero di chiedere alla Dott.ssa Ilaria Cocci quello che desideri: un appuntamento, una consultazione o semplicemente la risposta ad una domanda. Scrivi tranquillamente, questo è un contatto iniziale.

NOTA
I navigatori sono tenuti a rispettare lo scopo di questo elenco.
I professionisti sono qui per aiutare le persone con il proprio lavoro, questo non è un luogo di aiuto tesi, bibliografie o pubblicità di qualsiasi tipo.

Scrivimi
Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)