Home / Italia / Dottssa Vera Blasutti / Articolo Psicologo

Articolo di psicologia: «Depressione post partum o Baby blues»

Difficoltà Post Partum e Depressione

Articolo pubblicato il 13 Febbraio 2014.
L'articolo "Difficoltà Post Partum e Depressione" tratta di: Depressione, Depressione post partum e Diventare Mamma.
Articolo scritto dalla Dott.ssa Vera Blasutti.

Una mamma, i giorni successivi al parto, scrive:

"Nonostante abbia tanto sognato questo momento
ora non mi sento serena e felice.
Non ho la forza di gestire tutto questo,
mi sento impreparata.
Mi guardo allo specchio e mi vedo stravolta.
Vorrei scomparire in un'isola deserta
".

Com'è possibile che un sogno si trasformi in un incubo?
E quanto dura questo tipo di vissuto?

I cali d'umore: problemi transitori o persistenti?

Sperimentare un calo d'umore e una forte stanchezza è naturale durante il puerperio (periodo di circa 40 giorni dopo il parto).
Dobbiamo considerare che:

  • Tutto è diverso da prima: siamo in tre, le routine familiari, i ritmi e le attività sono sconvolti, gli spazi riorganizzati...
  • Siamo in una fase di deprivazione da sonno e abbiamo sostenuto un'impresa impegnativa (il parto).
  • Il corpo ha bisogno di ancora un po' di tempo per riprendere le sembianze di prima della gravidanza.
  • È frequente la condizione di solitudine (in Italia il mondo del lavoro non agevola la maternità: i papà tornano a lavorare subito e le mamme si trovano a casa da sole col neonato...).

Dobbiamo però distinguere tra stati transitori e non preoccupanti e situazioni che perdurano nel tempo causando notevoli difficoltà sia alla madre che allo sviluppo dell'attaccamento madre-bambino.

Il baby blues o maternity blues si verifica solitamente dal 3° al 8° giorno dopo il parto, in corrispondenza al fisiologico calo ormonale.
Si manifesta con:

  • irritabilità,
  • umore altalenante,
  • facilità al pianto,
  • ansia.

Nel baby blues viene preservato il prendersi cura del neonato.
La durata varia da alcune ore a alcune settimane.
Si tratta pertanto di un fenomeno transitorio.

Invece se la situazione invece di migliorare peggiora, si parla di depressione post partum:

  • difficoltà nel contatto fisico col neonato, senso di fastidio o ostilità verso il neonato,
  • forte tristezza,
  • sintomi psicosomatici (es. mal di testa),
  • sentirsi senza forze,
    nessun interesse.

Attenzione!
Anche nei neo-papà può manifestarsi la depressione post partum!

Che fare
  1. Non pensare di essere l'unica persona al mondo a sperimentare sensazioni ed emozioni di questo tipo.
  2. Non sentirti una madre snaturata.
  3. Non vergognarti per come ti senti.
  4. Ricordati che non sei sola: chiedi aiuto sia a livello pratico (qualcuno che ti dia una mano nelle faccende domestiche e nell'accudimento del neonato) che emotivo (parla di come ti senti, sfogati), prenditi tempi e spazi per te.
  5. Confida nell'apprendimento: se all'inizio anche fare il bagnetto al neonato sembra un'impresa, dopo poco tempo si impara!
Chi può aiutare
  • Innanzitutto il partner! È importante coinvolgerlo e condividere gioie e dolori di questo momento speciale.
  • Amici, parenti.
  • Persone che stanno attraversando la stessa fase di vita (ad es. andare a pesare il bimbo in Consultorio dà la possibilità, oltre che di confrontarsi con un operatore esperto rassicurante, di conoscere altre mamme e quindi condividere esperienze e normalizzare la propria situazione).
  • Specialisti se la situazione ci preoccupa e perdura. Prendersi cura del bambino è in primis prendersi cura di sé, perché una persona sofferente non può accudire e nutrire a livello emotivo il proprio bimbo.
Letture consigliate

Piacentini, Leveni, Morosini, "Mamme tristi. Vincere la depressione post parto", Ed. Erickson

Per approfondire

Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)