Dott.ssa Manuela Ferrara
Fobia sociale, ansia sociale: catarreristiche, Vicenza (VI)

Contatta
Aggiungi alla Mia Lista

I mille volti dell'ansia sociale

Articolo pubblicato il 19 Novembre 2018.
L'articolo "I mille volti dell'ansia sociale" tratta di: Disturbi d'Ansia e Fobia Sociale.

Quando relazionarsi con gli altri è un dramma: i mille volti dell'ansia sociale

L'essere umano è un essere sociale, è nato per creare legami, per vivere in gruppo e in società. Quando si stabilisce una connessione con un'altra persona, si vive un'esperienza di crescita e un senso di sintonia; quando si è disconnessi, invece, si vive un'esperienza di restringimento e di solitudine. Da ciò si può evincere come vivere le relazioni sociali con ansia oppure evitarle per salvaguardarsi dalla stessa possa creare un senso di solitudine anche molto profonda.

L'identikit del fobico sociale

Nella persona che soffre di ansia sociale c'è un forte desiderio di dare una buona impressione di sé agli altri, che è, però, accompagnato da una grossa insicurezza e incertezza sulla sua riuscita.
È frequente la presenza di una bassa autostima, senso di inutilità, insicurezza, indecisione e titubanza.

La paura del giudizio degli altri è elevata all'ennesima potenza ed è l'aspetto cardine del disturbo. I momenti in cui il Sé è al centro dell'attenzione o si sente valutato vengono vissuti penosamente; il peso degli sguardi altrui, reali o immaginari, diventa una zavorra emotiva legata a doppia mandata a sé, si vorrebbe scappare, nascondersi, essere invisibili, ci si sente sprofondare.

La semplice possibilità di essere osservati e valutati o il rischio che gli altri non diano valore al rapporto è spaventante; svariate situazioni sociali, dunque, hanno il sapore della minaccia, come se si avesse una pistola puntata contro, pronta a sparare al minimo passo falso. La paura di inciampare, inoltre, aumenta la probabilità di fare una mossa impropria. Certo è che camminare appesi ad una fune con trepidante incertezza temendo queste conseguenze è davvero angosciante e insopportabile.

Quali sono le situazioni che innescano l'ansia?

L'ansia si può manifestare prima di una situazione sociale (ansia anticipatoria), oppure durante e/o dopo di essa. Le situazioni che provocano ansia sono state così elencate (Holt & coll., 1992):

  • interazioni e discorsi formali, per esempio parlare di fronte ad un pubblico, esporre una relazione davanti ad un gruppo, intervenire ad una riunione, partecipare ad attività in piccoli gruppi;
  • interazioni e discorsi informali, per esempio incontrare persone sconosciute, partecipare ad una festa, uscire con un possibile partner, fare sesso, telefonare ad una persona che non si conosce molto bene, cercare di conoscere qualcuno al bar;
  • interazioni assertive, per esempio parlare con persone di autorità, esprimere disapprovazione, fare delle critiche, riportare al negoziante un prodotto acquistato quando non si è soddisfatti, rifiutare di acquistare una merce che viene proposta se non interessa; visibilità del comportamento, per esempio mangiare in pubblico, ballare davanti ad altre persone, scrivere di fronte a qualcuno, provare un abito, pagare al supermercato, usare un bagno pubblico, essere semplicemente guardati mentre si lavora.
Come funziona il meccanismo dell'ansia sociale?

Le persone che soffrono di ansia sociale hanno sviluppato un'immagine di sé di vulnerabilità, inadeguatezza, incompetenza e debolezza, accade, dunque, che nelle situazioni sociali queste credenze (sono stupido, ansioso, strano, debole, goffo, ridicolo, non vado bene, non sono all'altezza, fallirò, sono sbagliato) vengano attivate inconsapevolmente, determinando l'emergere dell'ansia nelle sue diverse manifestazioni fisiologiche (agitazione, sudorazione, tremolii, balbettii, rossore, tachicardia, nodo alla gola, confusione mentale, senso di svenimento, ecc.).

Nel tentativo di nascondere o di evitare le conseguenze sociali temute ovvero una valutazione negativa, vengono messi in atto tutta una serie di "comportamenti protettivi", che vanno dall'evitamento totale delle situazioni ad altri evitamenti più sfumati quali parlare a bassa voce, parlare velocemente, evitare lo sguardo dell'altro, non attirare l'attenzione, pianificare in anticipo cosa dire, parlare poco di sé, starsene in disparte, respirare profondamente, muoversi piano, ecc.
I comportamenti protettivi, però, non fanno altro che contribuire al mantenimento del problema in quanto:

  • sono di ostacolo alla verifica delle credenze negative del soggetto;
  • lo mantengono costantemente in una posizione di osservatore di se stesso, il focus attentivo è auto centrato e ciò gli impedisce di guardare quello che accade realmente all'esterno;
  • determinano un aumento dei sintomi ansiosi;
  • influenzano decisamente la situazione sociale, facendo apparire la persona distaccata e ostile.
La ripresa psicologica dall'ansia

Di fronte alla sofferenza la maggior parte delle persone tende a minimizzare, le persone vengono spinte a "fare del proprio meglio" per uscire dalla situazione problematica come fosse sottinteso che "l'impegno non è abbastanza", aspetto questo che può creare un senso di colpa rispetto al problema facendo cadere ancora di più nel baratro chi ne soffre. Nessuno decide di svegliarsi una bella mattina scegliendo dall'armadio i vestiti dell'angoscia e desiderando di affrontare la giornata con un crocevia di pensieri fallimentari, ansiosi e spaventanti, portando con sé la valigetta salvavita fai da te anziché il pc. Se solo la persona ne avesse le competenze di sicuro le avrebbe già usate, come quando si ha la febbre e si sa che quel farmaco apposito ci aiuta ad abbassarla. Nell'ansia sociale, però, non funziona così, spesso la persona è ignara di ciò che le sta accadendo, spesso nemmeno sa che esiste un disturbo definito "ansia o fobia sociale" e sicuramente si troverà di fronte ad uno sconosciuto sentendosi in sua balìa.

La ripresa psicologica è un processo, è un viaggio psicoterapeutico lungo il cui percorso si snodano i tanti grovigli di senso che hanno dato origine al disturbo per arrivare ad analizzare poi quel dialogo interiore che, come un mantra, risuona in ogni momento. Attribuire un significato allo sviluppo del disturbo e prenderne coscienza è un passo fondamentale, permette di togliere la nebbia dagli occhi, aiuta a incastrare i pezzi del puzzle della propria vita, concede di guardarsi con occhi diversi, di non sentirsi più in balia di uno sconosciuto ma di poterci fare due chiacchiere sebbene non ci stia proprio simpatico.

Migliorare il dialogo con se stessi, poi, permette un aumento dell'autostima che a sua volta aumenta il senso di sicurezza personale e diminuisce la vulnerabilità. Ciò permette di mettersi in gioco, rischiare, rafforzare le risorse ed accettare i limiti. Si scende in campo, ci si allena ad affrontare le situazioni minacciose anziché evitarle, si prova e si riprova proprio come se si andasse in palestra, sapendo che paziente e terapeuta sono una squadra.

Dicevo che la ripresa psicologica è un processo, è un cammino di consapevolezza, già essere consapevoli di quella vocina interiore che denigra, che svaluta, che giudica, ascoltare cosa dice, da dove arriva e qual è la sua storia è un primo importante passo senza il quale tutti gli altri sarebbero difficoltosi; ognuno di noi è unico e irripetibile e non esistono soluzioni magiche da manuale del fai da te del supermercato che lasciano il tempo che trovano. L'ansia sociale non è come avere un taglio al dito, dove basta cucire la ferita e prendere qualche antibiotico. Il problema dell'ansia sociale è profondo, complesso, soggettivo e comprende varie aree della vita della persona, ma, con un buon intervento psicoterapeutico, ha dei buoni margini di guarigione.

"Ascoltami", disse l'ansia, "ho un messaggio per te"

Contatta privatamente la Dott.ssa Manuela Ferrara

Nome e Cognome
Urgenza
       
Mail (obbligatorio)
Telefono (facoltativo)
Domanda o richiesta appuntamento
Policy privacy

CHE COSA SCRIVERE
Sentiti libero di chiedere alla Dott.ssa Manuela Ferrara quello che desideri: un appuntamento, una consultazione o semplicemente la risposta ad una domanda. Scrivi tranquillamente, questo è un contatto iniziale.

NOTA
I navigatori sono tenuti a rispettare lo scopo di questo elenco.
I professionisti sono qui per aiutare le persone con il proprio lavoro, questo non è un luogo di aiuto tesi, bibliografie o pubblicità di qualsiasi tipo.

Scrivimi
Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)