Dott.ssa Tiziana Casazza
Disagio lavorativo, mobbing, burnout, Milano (MI)

Contatta
Aggiungi alla Mia Lista

Disagio sul lavoro: dov'è il problema?

Articolo pubblicato il 2 Marzo 2017.
L'articolo "Disagio sul lavoro: dov'è il problema?" tratta di: Burnout e Mobbing.

Ho deciso di scrivere questo articolo all'uscita da un colloquio con l'ennesimo paziente giunto in studio spaventato e confuso: l'ultimo episodio di scontro sul lavoro ha stimolato una reazione molto forte in lui che lo ha provato parecchio. Si tratta di un giovane 30enne, che giunge nel mio studio in preda a un attacco di ansia che contiene a fatica, è disorientato e spaventato da quello che gli sta accadendo. La sua azienda è stata acquisita da una più grande, i dipendenti sono stati uniti ad altri provenienti dall'azienda nuova, sono stati cambiati alcuni ruoli, inserendo un elemento di divergenza e conflitto tra pari; sono stati messi, inoltre, dei vigilanti a controllo dell'operato dei lavoratori. Il futuro prevede una chiusura dell'azienda e il ricollocamento di alcuni; per tutti gli altri il destino è il licenziamento.

Quest'uomo si è allontanato talmente tanto da sé e da quello che sente che non confida più nella sua salute mentale. Mi scopro a notare in lui un bell'uomo, giovane, entusiasta della vita e con grandi risorse personali, resosi autonomo dalla famiglia di origine presto e già con una famiglia sua. Ammiro in lui la positività e la capacità di reagire davanti alla situazione, che è effettivamente più grande di lui: non si spegne nell'impotenza, ma si attiva, cercando soluzioni alla sua portata, che però lo portano verso un comportamento progressivamente disorganizzato. Osservo, infatti, che è in preda al panico per questo grosso cambiamento, che gli ha già modificato la quotidianità.

Un disagio esteso, quello lavorativo, tristemente in ascesa in questi anni. Prima colpiva prevalentemente le donne, i lavoratori stranieri e i più anziani, ma la situazione generale del mercato del lavoro ha poi messo in scacco anche le categorie tradizionalmente sicure ed intoccabili.
Già intorno ai primi anni del 2000 professionisti della salute1 e del lavoro2, allarmati dal rapido declino della salute delle persone che seguivano, ne inviavano ampi gruppi a noi Psicologi. In risposta a questo fenomeno è stato aperto un servizio dedicato a questo specifico problema3 presso l'Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli di Milano.

La prima considerazione importante che noi Psicologi abbiamo fatto4 è stata che questo veloce peggioramento dello stato di salute del lavoratore non era attribuibile all'espressione di una sua psicopatologia personale, quanto piuttosto alla conseguenza di cambiamenti disfunzionali nel sistema di relazioni sul lavoro.
Questo non vale solo per situazioni di mobbing5, di cui è responsabile l'azienda, o per situazioni di fragilità psichica pregressa, la cui origine risiede nella storia personale del lavoratore. Di gran lunga più frequenti (più della metà dei casi visionati) erano le situazioni di disagio lavorativo, più sfumate e legate a un contesto relazionale avverso sul luogo di lavoro, che si trasformava in vero e proprio focolaio di malessere e di manifestazioni psicopatologiche anche serie.

La prima reazione delle persone in genere è quella di autoattribuirsi la responsabilità del malessere, senza alcuna consapevolezza del focus relazionale proprio delle varie forme di disagio lavorativo, quali stress occupazionale, demansionamento, dequalificazione, workaholism6, whistleblowling7, stalking, straining8, mobbing, burn-out9 e molestie sessuali.

Il ruolo dell'azienda, invece, è significativo, in quanto disagi legati alla storia personale, e compensati in passato grazie alla personale resilienza10, non trovano scampo in luoghi di lavoro ostili e cronicamente stressanti. Sebbene talune forme psicopatologiche siano più funzionali che disfunzionali ad alcune mansioni lavorative, il ruolo delle relazioni interpersonali gioca un ruolo di rilievo. Vediamo come.

Tre punti accomunano le persone soggette a disagio lavorativo e su cui il lavoro psicoterapeutico cerca di focalizzarsi:

  • caduta dell'autostima. L'emarginazione e l'isolamento della persona, che sente di avere perso status e ruolo, comportano la caduta dell'autostima. Il confine tra il non avere un ruolo/non esser considerato sul lavoro e il «non essere» nella vita scompare;
  • vissuti persecutori. L'altro è quello che ti fa del male fino ad annientarti fisicamente, psicologicamente, economicamente e, come tale, diventa il nemico sempre pronto a colpire. E questo "altro" diventa spesso "quasi tutti". Questi vissuti possono essere confusi con la paranoia, un sintomo psichiatrico molto invalidante. La differenza risiede nel fatto che i vissuti persecutori, strettamente connessi all'esperienza reale sul lavoro, tipicamente rientrano nel momento in cui la persona si allontana per un periodo opportuno dal luogo di lavoro e ricompaiono non appena ritorna a parlare dell'esperienza lavorativa o rientra sul lavoro;
  • doppio mobbing. L'attacco all'identità personale e alle certezze vissuti sul lavoro si estende a tutta la vita del paziente, che non riesce più a mantenere rapporti sociali e di amicizia. Anche il nucleo familiare non viene percepito come supportivo o consolatorio, diventa piuttosto come ulteriormente vessatorio, intollerabile, indipendentemente dalle reazioni del partner e dei figli. L'allontanamento è la difesa più frequentemente messa in atto.

II sintomi lamentati sono molti e vari. Predominano gli aspetti depressivi (insicurezza, apatia, mancanza di concentrazione); i disturbi del sonno (insonnia, risveglio precoce, sonno interrotto) e l'ansia generalizzata (agitazione, tensione, dispnea)11.

Talvolta le manifestazioni più gravi, presenti nella storia medica pregressa, avevano trovato nei numerosi anni di impegno nel mondo lavorativo la possibilità di riscatto e compensazione.
Ciò che prima era fonte di sollievo e riscatto ora diventa fonte di malattia e disagio, nonostante esistano leggi che ribadiscono che il luogo di lavoro non può peggiorare lo stato di salute delle persone (Lgs 81 del 2008).
Sempre più spesso, invece, osserviamo fenomeni di scompenso, di slatentizzazione di comportamenti abnormi, riconducibili a una mutata condizione lavorativa, a rapporti conflittuali con colleghi e/o superiori, influenzati dalle cattive condizioni socio-economiche del nostro paese.

Il luogo di lavoro è un contesto sociale e, in quanto tale, la società è chiamata a tutelarlo. Dovrebbe altresì elevare, non affossare, la qualità della vita di chi ad essa appartiene. La stessa Costituzione della Repubblica Italiana identifica il lavoro come perno della società e ne garantisce più estesamente la tutela in virtù del suo ruolo importante per il progresso sociale (art. 1, 3, 4).

Il lavoro è da ritenersi, insieme a scuola e famiglia, un istituto cruciale per la salute della persona. Molti lo elevano a scopo della loro vita, altri lo vedono come luogo in cui riprendere fiato quando le difficoltà della vita privata sembrano schiacciarli, altri ancora lo vedono come luogo di riscatto sociale. Si pensi anche semplicemente ai programmi di reinserimento sociale per ex-detenuti o di inserimento lavorativo per disabili.
La valenza di questa istituzione è davvero estesa e abbraccia molte sfere della vita di un uomo. Per la nostra cultura è di certo un elemento costitutivo dell'identità della persona, per questo i problemi legati al disagio lavorativo hanno un impatto tanto destabilizzante su chi li vive e segnano così profondamente anche le relazioni che viviamo.

Note
  1. Medici di base, del lavoro e psichiatri.
  2. Sindacalisti, avvocati e assistenti sociali.
  3. Un servizio in seguito chiuso per mancanza di risorse e di finanziamenti.
  4. Osservazioni esposte durante il 17° Congresso IAGP (International Association for Group Psychotherapy and group processes) «Groups in time of conflicts» (2009).
  5. Il mobbing ha una specifica connotazione come progetto organizzativo finalizzato all'espulsione del singolo lavoratore.
  6. Sindrome ossessivo compulsiva della dipendenza da lavoro.
  7. Frustrazione legata al conflitto del dipendente di una azienda tra l'osservare illeciti o potenziali danni a clienti dell'azienda e timore di ritorsioni nel segnalarli.
  8. Azione ostile messa in atto e perpetrata da un superiore verso il sottoposto (demansionamento, sottrazione strumenti di lavoro, isolamento, trasferimento).
  9. Sindrome da stress lavorativo legata a professioni incentrate sul contatto relazionale (medici, infermieri, poliziotti, receptionist, ...).
  10. Resilienza: capacità della persona di affrontare difficoltà anche importanti della vita in maniera positiva ed efficace.
  11. Risultati presentati al 17° Congresso IAGP (International Association for Group Psychotherapy and group processes) «Groups in time of conflicts» (2009)
Bibliografia
  • Casazza, T., Paganini, L., Pacini, M. "Psychiatric Disease in working Difficulties", Poster presentato al 17° Congresso IAGP (International Association for Group Psychotherapy and group processes) «Groups in time of conflicts» (2009);
  • Decreto Legislativo 9 aprile 2008 , n. 81, "Testo unico per la sicurezza sul lavoro", Codice Civile.
  • Ege, H., "Oltre il Mobbing. Straining, Stalking e altre forme di conflittualità sul posto di lavoro", Franco Angeli Editrice Milano, 2005.
  • Ferrario, M., Bonfanti. A., Paganini, L., Zappa M. "Mobbing e Disagio Lavorativo: una ricerca intervento in un servizio territoriale", Poster presentato 17° Congresso IAGP (International Association for Group Psychotherapy and group processes) «Groups in time of conflicts» (2009) .
  • Statuto dei Lavoratori, Legge 300 del 20 maggio 1970. Norme sulla tutela della libertà e dignità del lavoratore, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nel luoghi di lavoro e norme sul collocamento.

Contatta privatamente la Dott.ssa Tiziana Casazza

Nome e Cognome
Urgenza
       
Mail (obbligatorio)
Telefono (facoltativo)
Domanda o richiesta appuntamento
Policy privacy

CHE COSA SCRIVERE
Sentiti libero di chiedere alla Dott.ssa Tiziana Casazza quello che desideri: un appuntamento, una consultazione o semplicemente la risposta ad una domanda. Scrivi tranquillamente, questo è un contatto iniziale.

NOTA
I navigatori sono tenuti a rispettare lo scopo di questo elenco.
I professionisti sono qui per aiutare le persone con il proprio lavoro, questo non è un luogo di aiuto tesi, bibliografie o pubblicità di qualsiasi tipo.

Scrivimi
  • La Mia Lista
  • Pulisci Tutto
  • Riattiva la Mia Lista
Rendi più visibile il tuo Studio in Internet
ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)